Image Alt

Il territorio
Il Vùlture

L’area geografica delimitata è caratterizzata e conosciuta con il nome del monte “Vùlture” un vulcano spento situato nell’area centrale dell’Appennino meridionale a circa 60 km dal mare. I terreni coltivati ad oliveto sono situati sulle pendici del Vùlture esposte ad est – sud/est, protetti dai venti freddi invernali. Il territorio delimitato si estende fra un’altitudine slm tra i 400 e i 700 metri ed ha un microclima particolare caratterizzato da una situazione di tipo continentale con inverni in genere lunghi e freddi, ed estati brevi e spesso secche. Le precipitazioni medie raggiungono i 750 mm per anno, per lo più concentrate nel periodo autunno invernale, con una buona presenza all’inizio della primavera; ma non mancano precipitazioni anche nella primavera inoltrata ed in estate. La temperatura media annua oscilla fra i 14 ed i 15°C ed i mesi più freddi risultano gennaio e febbraio con temperature medie di 4 - 6 °C e che spesso scendono anche sotto zero: il clima piuttosto freddo della zona di produzione determina, come dimostrato da numerosi autori, un maggior contenuto di polifenoli nell’olio.

I terreni di origine vulcanica sono particolarmente fertili per la derivazione da tufi vulcanici leucitiferi, ben forniti di anidride fosforica, potassa e calce, a cui va aggiunta una buona dotazione di sostanza organica di circa il 6%.

Guarda il video
map

Ulteriore elemento che caratterizza il territorio e la denominazione è la presenza della varietà “Ogliarola del Vùlture”, varietà autoctona che nei secoli naturalmente e con l’aiuto degli olivicoltori si è selezionata occupando l’area geografica delimitata.

Nel Vùlture, l’olivo non è solo risorsa produttiva ma anche un elemento che caratterizza l’identità paesaggistica e ambientale del territorio. Occupando le pendici esposte ad est – sud del Monte Vùlture, di fatto l’olivo occupa terreni in pendenza e l’azione di protezione del suolo da parte di questo albero è importante quanto quella del bosco in montagna, esercitando un’azione a difesa della stabilità idrogeologica del territorio e degli insediamenti umani.

Qui, l’olivo è presente dall’antichità, come emerge dai diversi documenti storici reperibili presso l’Archivio di Stato di Potenza dove sono conservate diverse statistiche e relazioni storiche che descrivono il territorio e la coltivazione dell’olivo. Da questa documentazione si rileva la presenza da epoca remota dell’olivo e della produzione dell’olio nell’area del Vùlture, nonché l’evolversi di questa produzione che, progressivamente, ha acquisito una sempre maggiore importanza nel contesto economico del territorio.

I territori del Vùlture
Guarda il video

Visita il nostro canale youtube